Mela nei bronchi, bimbo 18 mesi salvato

Un bimbo di 18 mesi è stato salvato dal soffocamento - a causa di un pezzo di mela finito nei bronchi - grazie a una équipe multispecialistica del Santa Maria Nuova: due anestesisti, tre rianimatori e due pneumologi endoscopisti, con un pediatra di supporto, più due infermieri di sala operatoria, mentre un medico di Pronto soccorso e un otorinolaringoiatra hanno contribuito a valutare l'intervento. Il bimbo era giunto al Pronto Soccorso sabato già cianotico, con una parziale ostruzione delle vie bronchiali. "La gravità della situazione - spiega il direttore della Struttura di Anestesia, Giorgio Danelli, accorso da Parma - non lasciava la scelta di un centro pediatrico, il più vicino è a Bologna". Anche per Pierpaolo Salsi, responsabile di Rianimazione, "l'unica scelta possibile" nonostante il rischio è stata la "manovra endoscopica mai eseguita al Santa Maria Nuova a quell'età". Rimossi i residui nei lobi polmonari inferiori di destra e sinistra, il bimbo è stato dimesso lunedì in buone condizioni.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. MARCOLINI: "IL GOL DEL PARMA E' REGOLARE PERCHE' IL PALLONE E' STATO DEVIATO DA UN NOSTRO DIFENSORE"
    Lungoparma
  2. ADORNI: " DA EX DOPO TANTI ANNI NEL SETTORE GIOVANILE DUCALE PER ME E' STATA UNA GARA MOLTO PARTICOLARE"
    Lungoparma
  3. Mister D'Aversa e la striscia positiva del suo Parma: "La cattiveria messa nella ripresa è stata determinante. Grazie a tutti, anche alla cuoca e ai giardinieri di Collecchio"
    Lungoparma
  4. La cucina della Corea del Nord non mi ha fatto impazzire... molto meglio Mc Donald's (di Andrea Marsiletti) -
    Parmadaily.it
  5. Baraye '50 volte Crociato': targa con la foto dell'esultanza col passamontagna
    La Gazzetta di Parma

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Sant'Ilario d'Enza

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...